Interrogazione

Gruppo consiliare Movimento 5 stelle-beppegrillo.it

Egr.gio sindaco ing. Filippo Giovannini
Egr.gio presidente del consiglio comunale ing. Lorenzo Silvagni

OGGETTO: Sentiero del Parco fluviale del Rubicone denominato “Anello di Cesare”

Il sottoscritto, Mauro Frisoni consigliere comunale del gruppo Movimento 5 Stelle,

Considerato:

• Che, data la deliberazione di C.C. n. 58 del 30/06/2008, esecutiva, con la quale si è adottato lo studio di fattibilità per la realizzazione del “Parco del Rubicone”, con deliberazione della Giunta comunale n.149 del 27.12.2013, esecutiva, è stato approvata la realizzazione di un percorso “pedonale”, che si sviluppa lungo gli argini del fiume Rubicone, con partenza dal Piazzale “F. Coppi” (Seven) fino alla Scuola Materna “Gallo Cristallo”, mediante l’attraversamento del corso d’acqua sul ponte di Via Togliatti e ritorno lungo il lato destro, sempre percorrendo l’argine del fiume Rubicone;

• Che, con deliberazione della Giunta comunale n.93 del 21.8.2014 si è rilevato che diversamente da quanto originariamente previsto, non tutto il percorso in questione si sviluppa su particelle di proprietà pubblica ma, interessa anche, seppur in misura estremamente ridotta, aree di proprietà privata;

Visto:

che nella deliberazione di Giunta comunale n.93 del 21.8.2014 si è ritenuto opportuno acquisire l’uso dei beni in argomento mediante la sottoscrizione di un apposito atto di comodato, senza oneri di manutenzione ordinaria dei proprietari;

Considerato che:

tutte le spese degli atti di comodato sono a carico del Comune

Constatato che:

ormai da diverso tempo il percorso è interdetto alla circolazione pedonale con la presenza di transenne che ne impediscono il passaggio sul lato destro e, da segnalazioni che mi sono pervenute, anche il lato sinistro presenta punti non agibili

chiedo al Sindaco Filippo Giovannini e all’assessore competente:

a) come si è giunti al rilevamento che non tutto il percorso si sviluppa su particelle di proprietà pubblica, visto che nella Delibera n. 149 del 27.12.2013 si rimarcava la regolarità tecnica del progetto.
b) di quantificare le spese per la stipula degli atti di comodato con i proprietari dei terreni interessati dal percorso.
c) quando sarà prevista la riapertura completa al pubblico del sentiero.
d) se sono state valutate tutte le condizioni di sicurezza, visto che, in alcuni tratti, sono presenti dei gradini molto alti e discese troppo ripide.
e) se è previsto un prolungamento del percorso, almeno fino al centro di Savignano.
f) se, come già suggerito dal M5S, in occasione dell’ultima campagna elettorale, si sono offerte associazioni di volontariato o sportiva nel dare la disponibilità per una o due settimane all’anno durante le quali l’Associazione si prende cura del percorso, provvedendo eventualmente alla segnalazione di anomalie e alla raccolta dei rifiuti eventualmente presenti sul sentiero; raccolta da organizzarsi in modo autonomo e libero, in base ai propri impegni. Ribadisco che il M5S, prima è stato accusato di fare solo propaganda elettorale, per poi scoprire che l’amministrazione comunale aveva completamente appoggiato la nostra proposta, attraverso l’iniziativa denominata “Adottiamo l’anello di Cesare” del 9 maggio 2014, a firma dell’allora assessore Piero Garattoni.
g) Se è stato sottoscritto un contratto d’appalto per la manutenzione ordinaria (sfalci, ecc.) e se è stato quantificato il costo annuale di tale intervento.

Propongo infine di fare rientrare le attività di manutenzione dell’Anello di Cesare fra i lavori socialmente utili della nostra città oppure di affidare la manutenzione a cooperative sociali del comune di Savignano.

Richiedo di ricevere anche risposta scritta dell’argomento trattato.

Savignano sul Rubicone 14/11/2014

Il consigliere del M5S
Mauro Frisoni

Condividi le nostre idee