Mozione

Gruppo consiliare Movimento 5 stelle-beppegrillo.it

Egr.gio sindaco ing. Filippo Giovannini
Egr.gio presidente del consiglio comunale ing. Lorenzo Silvagni


OGGETTO:
• Intervento presso il gestore RFI per richiedere l’incremento delle fermate dei treni regionali.
• Ripristino dei servizi igienici presso la Stazione ferroviaria.

Premesso che:

• in perfetta armonia con i dettami etici in cui tutti noi ci riconosciamo, la Stazione ferroviaria è un luogo essenziale di collegamento, di incontro, di scambio tra le persone. Con il treno ci si sposta per lavoro, per studio, per turismo, l’impatto ambientale è ridotto al nulla rispetto al trasporto su gomma ed è un mezzo di trasporto fondamentale, competitivo ed adeguato alle nuove esigenze;

• la Stazione di Savignano è collegata, anche tramite piste ciclabili, non solo al centro e al quartiere Valle Ferrovia, ma anche a San Mauro Pascoli ed è quindi utilizzata da tutta la comunità del Rubicone;

• ad un servizio ferroviario con un maggior numero di fermate consegue un aumento del numero di fruitori dello stesso;

• un’Amministrazione lungimirante considera come una priorità un servizio ferroviario in cui efficienza e qualità del servizio erogato, insieme alla capacità di rispondere alle esigenze del cittadino, sono essenziali;

• la Stazione ferroviaria è tra le sfide più importanti per la modernizzazione e lo sviluppo qualificato del nostro territorio, a cui l’attuale Amministrazione non vorrà certamente sottrarsi.

Visto che:

• molti utenti lamentano la mancanza di servizi igienici all’interno della struttura;

• la carenza dei treni in alcune fasce orarie ed il sovraffollamento in altre obbliga studenti pendolari a viaggiare sovente accalcati ed in piedi.

Considerato che:

• la Stazione di Savignano, nel raggio di pochi chilometri, richiama un bacino di utenza di oltre 50.000 persone (S. Mauro, Gatteo, Borghi, Sogliano, Longiano);

• la Stazione di Savignano è classificata SILVER dalla RFI e la frequentazione nel novembre 2013 risulta di 589/701 passeggeri al giorno;

• in direzione Nord (per Bologna-Piacenza) nell’arco delle 24 ore ci sono 9 treni regionali su 29 nei giorni feriali, ridotti a 7 nei festivi, frequenza di molto inferiore ai 22 in direzione Sud (Rimini-Ancona);

• gli intervalli di tempo tra una fermata e la successiva sono troppo ampi, superando in un caso anche le 3 ore;

• il potenziale della Stazione di Savignano è svalutato: ad esempio Castel S. Pietro Terme, con 20.447 abitanti, malgrado per Bologna abbia 30 treni al giorno (contro i 9 di Savignano), fa transitare solo 136 passeggeri in più.

Richiamato:

• L’Art. 2, comma 461 della legge 24/12/2007 n° 244, che riporta la possibilità di una Amministrazione Comunale di verificare l’adeguatezza e la qualità del servizio ferroviario.

Chiedo che il Consiglio Comunale impegni il Sindaco e la Giunta:

• ad attivarsi presso il gestore, con tutte le capacità di intervento a loro disposizione, affinché siano aumentate le fermate nella stazione ferroviaria di Savignano, assicurando un treno entro un’ora in tutte le fasce orarie, in particolare quelle più scoperte tra le 8.00 e le 13.00 (essenziali i treni 11528, 11530, 2130, 2123, 2129);

• vengano ripristinati i servizi igienici presso la Stazione ferroviaria consentendo un’adeguata e civile attesa dei passeggeri.

Savignano sul Rubicone 10/12/2014

Il consigliere del M5S
Mauro Frisoni

Condividi le nostre idee